Sconto diretto nel carrello di 10 euro sul primo acquisto dei tuoi vini preferiti.

Spedizione gratuita per ordini superiori a  100 euro .

aromidivini-Image-Text

Casa D'Ambra

Via Mario D'Ambra, 16 - 80075 Forio D'Ischia (NA) 


Da 130 anni, la famiglia D’Ambra è unita da una grande passione per la vite e il vino: creatività, innovazione e rispetto per la tradizione si tramandano da generazioni.

Dal commercio di vino sfuso, iniziato da Don Ciccio, oggi la seconda generazione è protagonista della produzione di vini di prestigio. La ricerca dell'eccellenza ha sempre caratterizzato la realtà della cantina, prima nelle mani di Salvatore D'Ambra, poi del figlio Andrea, che crea vini celebri, come il Frassitelli. Vini che esaltano l'unicità del territorio di Ischia. Oggi, Andrea è affiancato dalle figlie Marina e Sara, la quarta generazione che porta avanti una storia di radici profonde e spirito innovativo.

Casa D'Ambra acquista ogni anno circa 5.000 quintali di uva da 150 viticoltori ischitani, di cui 120 associati in Cooperativa. I vigneti di proprietà dell'azienda Casa d’Ambra sono di quattro ettari in località Frassitelli, un ettaro in località Montecorvo. Inoltre, Casa D'Ambra ha in conduzione assieme a viticoltori locali 6 ettari nelle zone più vocate dell'isola. L'azienda punta decisamente sui vitigni locali: per i bianchi biancolella, forastera, uvarilla; per i rossi il piedirosso e guarnaccia. A testimonianza di un'attenzione verso il miglioramento della qualità delle uve e di omologazione delle vecchie varietà, è stato istituito nel 1995 un campo sperimentale, una sorta di banca genetica per la ripresa delle varietà scomparse, impiantato nella tenuta Frassitelli. Così Guarnaccia e Guarnaccello, la Coda Cavallo e Streppa rossa, Rillottola e il Don Lunardo, e poi la Catalanesca, l'Uva romana, l'Uva procidana, e l'Uva coglionara, potranno tornare a vivere nel panorama viticolo ischitano.

“L'innovazione vista come ricerca nella tradizione, come un risalire nel tempo sino agli albori della storia vitivinicola di Ischia, per scoprire alcune pratiche dei nostri antenati che, adeguatamente rivisitate, possano portare un contributo altamente innovativo nel panorama vinicolo.”

Filtri

Categorie (Clear All)

x